Una svolta empirica per gli interventi sociali?