Ascarelli e la comparazione come "attuazione di un progetto ermeneutico"