L’opzione illiberale. Un nuovo capitolo della storia della democrazia?