Il virus sullo schermo. Il "sismografo" televisivo e la mediazione della crisi