Origine e fortuna di un libro non scritto. Sulla "Polinnia" di Giovan Battista Marino