Duello con l'Europa/la carta deficit va garantita dalla crescita