Il termine impetus in Seneca: tra segnale letterario e sutura filosofica