Il contributo dell’«oratoria» cinematografica all’analisi patemica del discorso politico