Processi decisionali e categorie giuridiche: tra razionalità “classica” e spunti dal nudging