Quel sottile confine tra verità processuale e verità fattuale