Sulla ricezione della «Gerusalemme liberata» nella cultura europea tra Sette e Ottocento