Don Giussani, un'altra "contestazione"