Mario Bertolone, director of the Civic Museums of Varese, in 1953 founded the Centro di Studi Preistorici e Archeologici to promote a renewal of archaeological research from prehistory to the early Middle Ages and the Centro immediately created the magazine «Sibrium». His notoriety among scholars and his personality allowed him to cultivate relationships with researchers of national and international fame, as it emerges from the material conserved in the Archive of the Centro and from the articles published in the journal. Bertolone had an interdisciplinary view of archaeology and was among the first to understand the importance of scientific analysis on materials and the contribution that aerial photography could make. The research always associated a regular dissemination activity, paying particular attention to the younger generation.

Mario Bertolone, direttore dei Musei Civici di Varese, costituì il Centro di Studi Preistorici e Archeologici nel 1953 per promuovere un rinnovamento delle ricerche archeologiche dalla preistoria all’alto medioevo e al Centro subito affiancò la rivista Sibrium. La sua notorietà tra gli studiosi e la sua personalità gli consentirono di coltivare rapporti con ricercatori di fama nazionale e internazionale, come emerge dal materiale conservato nell’Archivio del Centro e dagli articoli pubblicati nella rivista. Bertolone ebbe una visione interdisciplinare dell’archeologia e fu tra i primi a comprendere l’importanza delle analisi scientifiche sui materiali e del contributo che poteva apportare la fotografia aerea. Alla ricerca associò sempre una assidua attività di divulgazione, prestando particolare attenzione alle giovani generazioni.

Lucioni, A., Il Centro di studi preistorici e archeologici – Varese, <<SIBRIUM>>, 2018; 32 (N/A): 309-333 [http://hdl.handle.net/10807/142805]

Il Centro di studi preistorici e archeologici – Varese

Lucioni, Alfredo
2018

Abstract

Mario Bertolone, direttore dei Musei Civici di Varese, costituì il Centro di Studi Preistorici e Archeologici nel 1953 per promuovere un rinnovamento delle ricerche archeologiche dalla preistoria all’alto medioevo e al Centro subito affiancò la rivista Sibrium. La sua notorietà tra gli studiosi e la sua personalità gli consentirono di coltivare rapporti con ricercatori di fama nazionale e internazionale, come emerge dal materiale conservato nell’Archivio del Centro e dagli articoli pubblicati nella rivista. Bertolone ebbe una visione interdisciplinare dell’archeologia e fu tra i primi a comprendere l’importanza delle analisi scientifiche sui materiali e del contributo che poteva apportare la fotografia aerea. Alla ricerca associò sempre una assidua attività di divulgazione, prestando particolare attenzione alle giovani generazioni.
Italiano
Lucioni, A., Il Centro di studi preistorici e archeologici – Varese, <<SIBRIUM>>, 2018; 32 (N/A): 309-333 [http://hdl.handle.net/10807/142805]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/142805
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact