The purpose of this paper is to illustrate some aspects of the relationship between virtue and trust. First, it mentions the nature of virtues and sets out a concept of reliance and trust (in its relationship with the virtue of hope). Then, it underlines the need for trust in interpersonal and social life and as the foundation of the social bond, as well as its capacity (for various reasons) to generate the reliability of the trustee (even when it has already been betrayed) and, conversely, underlines the harmfulness of distrust and of pervasive controls, which tend to increase precisely those behaviors that would like to prevent. Finally, it expresses itself on the most virtuous trust, the generative one, on the relationship between trust and the genesis and the apex of virtue, which culminates in love and friendship.

Il presente contributo si prefigge di illustrare alcuni aspetti del rapporto tra virtù e fiducia. Dapprima accenna alla natura delle virtù ed espone una concezione dell’affidamento e della fiducia (nel suo rapporto con la virtù della speranza). Poi, sottolinea la necessità della fiducia nella vita interpersonale e sociale e come fondamento del legame sociale e la sua capacità (per vari motivi) di generare l’affidabilità del trustee (anche quando sia stata già tradita) e, per converso, la nocività della s-fiducia e dei controlli pervasivi, che tendono ad incrementare proprio quei comportamenti che vorrebbero impedire. Infine, si esprime sulla fiducia più virtuosa, quella generativa, sul rapporto tra la fiducia e la genesi e l’apice della virtù, che ha il suo culmine nell’amore e nell’amicizia.

Samek, L., Fiducia e virtù, <<TEORIA>>, 2019; (XXXIX): 117-136. [doi:10.4454/teoria.v39i1.60] [http://hdl.handle.net/10807/142391]

Fiducia e virtù

Samek, Lodovici
2019

Abstract

Il presente contributo si prefigge di illustrare alcuni aspetti del rapporto tra virtù e fiducia. Dapprima accenna alla natura delle virtù ed espone una concezione dell’affidamento e della fiducia (nel suo rapporto con la virtù della speranza). Poi, sottolinea la necessità della fiducia nella vita interpersonale e sociale e come fondamento del legame sociale e la sua capacità (per vari motivi) di generare l’affidabilità del trustee (anche quando sia stata già tradita) e, per converso, la nocività della s-fiducia e dei controlli pervasivi, che tendono ad incrementare proprio quei comportamenti che vorrebbero impedire. Infine, si esprime sulla fiducia più virtuosa, quella generativa, sul rapporto tra la fiducia e la genesi e l’apice della virtù, che ha il suo culmine nell’amore e nell’amicizia.
Italiano
Samek, L., Fiducia e virtù, <<TEORIA>>, 2019; (XXXIX): 117-136. [doi:10.4454/teoria.v39i1.60] [http://hdl.handle.net/10807/142391]
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Samek, Fiducia e virtù.pdf

non disponibili

Tipologia file ?: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non specificato
Dimensione 6.37 MB
Formato Unknown
6.37 MB Unknown   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/142391
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact