Nel «diritto di morire» c’è un inganno pericoloso