«Una centrale elettrica di imperiosa spiritualità»: Marinetti, Ciliberti, Sartoris gli astratti comaschi