Anche la grande editoria sembra scommettere sugli esordi