Le opere come spazio spirituale della nazione