La dialettica dei confini come atto giusto