Uno sguardo diverso sull'"Aminta"