"Santa sofferenza!": la concezione della malattia veicolata all'infanzia