A proposito della propaganda episcopale di Berardo Maggi