L'immaginazione dell'economia: Shakespeare e la "scienza triste"