Le prigioni del linguaggio pubblicitario. E alcuni piani internazionali di fuga