Classicista malgré soi ? Sugli scritti greci di Simone Weil