Virtuale? Di più. Le social street sono sostegno alla vita vera