La nuova coscienza "ecumenica" del MED