Rielaborare il conflitto.”Bunker”, un caso di arte relazionale