In questo saggio studiamo la durata ottima di un contratto di delega in un modello con informazione incompleta nel quale un agente gioca, per conto del suo principale, un gioco potenzialmente ripetuto. Un contratto di breve durata dà al principale la flessibilità di sostituire un agente che si dimostri inadatto al compito affidatogli, mentre uno di lunga durata favorisce la costruzione da parte dell'agente di una reputazione, nei suoi rapporti con parti terze, di persona meritevole di fiducia. Quando i contratti sono rinnovabili, il rapporto tra principale e agente può talvolta risultare stabile anche quando è disciplinato da contratti di breve durata. In questo lavoro mostriamo che ciò implica una relazione non--monotona tra importanza della reputazione e durata ottima dei contratti di delega. In particolare, in situazioni in cui la reputazione è molto importante, può risultare ottimale utilizzare contratti di breve durata. Le implicazioni dell'analisi teorica generale sono illustrate attraverso alcune applicazioni: ai problemi di credibilità della politica monetaria, alle relazioni verticali all'interno dell'impresa e ai rapporti tra creditore e debitore.

Merzoni, G. S., Colombo, F., Reputazione, flessibilità e durata ottima dei contratti, <<ECONOMIA POLITICA>>, 2004; XXI (Agosto): 233-268. [doi:10.1428/14113] [http://hdl.handle.net/10807/11239]

Reputazione, flessibilità e durata ottima dei contratti

Merzoni, Guido Stefano;Colombo, Ferdinando
2004

Abstract

In questo saggio studiamo la durata ottima di un contratto di delega in un modello con informazione incompleta nel quale un agente gioca, per conto del suo principale, un gioco potenzialmente ripetuto. Un contratto di breve durata dà al principale la flessibilità di sostituire un agente che si dimostri inadatto al compito affidatogli, mentre uno di lunga durata favorisce la costruzione da parte dell'agente di una reputazione, nei suoi rapporti con parti terze, di persona meritevole di fiducia. Quando i contratti sono rinnovabili, il rapporto tra principale e agente può talvolta risultare stabile anche quando è disciplinato da contratti di breve durata. In questo lavoro mostriamo che ciò implica una relazione non--monotona tra importanza della reputazione e durata ottima dei contratti di delega. In particolare, in situazioni in cui la reputazione è molto importante, può risultare ottimale utilizzare contratti di breve durata. Le implicazioni dell'analisi teorica generale sono illustrate attraverso alcune applicazioni: ai problemi di credibilità della politica monetaria, alle relazioni verticali all'interno dell'impresa e ai rapporti tra creditore e debitore.
Italiano
Merzoni, G. S., Colombo, F., Reputazione, flessibilità e durata ottima dei contratti, <>, 2004; XXI (Agosto): 233-268. [doi:10.1428/14113] [http://hdl.handle.net/10807/11239]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/11239
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact