Tra rapsodia e artificio. Bolzano sulle categorie