Giovanni Ambrogio Figino alla corte di Carlo Emanuele I di Savoia