De Coubertin tra il doping e Norimberga