Jaan Kross. Feroce autoaccusa di una vittima