Tracce dell’antieroe tragico nell’enigmatica moglie di Giobbe? Sul riuso biblico di un modulo drammatico classico