In recent years in France and Italy sub-national government authorities have been reformed, mainly for financial and political reasons. Those changes share the goals of rationalizing State administration, rendering the production of public goods more efficient, and containing public expenditure. They have followed similar paths, characterized by a top-down imposition of a new institutional framework, the anticipated elimination of the second tier of local government (provinces and departments), and the strengthening of metropolitan and inter-municipal governments. However, the specific political contexts of the two countries have produced fairly different outcomes for the reforms enacted in 2014 and 2015.

Indotte da motivazioni finanziarie e politiche, negli ultimi anni in Francia e Italia si sono realizzate riforme degli enti territoriali. Esse condividono il fine di razionalizzare e rendere più efficiente la macchina statale e la produzione di beni pubblici sul territorio, nonché porre un freno alla spesa. Le riforme hanno seguito un percorso di sostanziale imposizione dall’alto di un nuovo assetto istituzionale, con la morte annunciata del livello intermedio di governo locale, da «azzerare» o «devitalizzare» (metafore utilizzate rispettivamente in Italia e Oltralpe) e il rafforzamento del governo metropolitano e sovracomunale. Ma i fattori politici peculiari ai due Paesi hanno condotto le riforme, approvate negli anni 2014 e ’15, verso esiti differenti per Province e Dipartimenti.

Mazzoleni, M., LA RIFORMA DEGLI ENTI TERRITORIALI IN FRANCIA E ITALIA: L’EUTANASIA MANCATA DEL LIVELLO INTERMEDIO, <<LE ISTITUZIONI DEL FEDERALISMO>>, 2016; 37 (4): 885-913 [http://hdl.handle.net/10807/104822]

LA RIFORMA DEGLI ENTI TERRITORIALI IN FRANCIA E ITALIA: L’EUTANASIA MANCATA DEL LIVELLO INTERMEDIO

Mazzoleni, Martino
2016

Abstract

Indotte da motivazioni finanziarie e politiche, negli ultimi anni in Francia e Italia si sono realizzate riforme degli enti territoriali. Esse condividono il fine di razionalizzare e rendere più efficiente la macchina statale e la produzione di beni pubblici sul territorio, nonché porre un freno alla spesa. Le riforme hanno seguito un percorso di sostanziale imposizione dall’alto di un nuovo assetto istituzionale, con la morte annunciata del livello intermedio di governo locale, da «azzerare» o «devitalizzare» (metafore utilizzate rispettivamente in Italia e Oltralpe) e il rafforzamento del governo metropolitano e sovracomunale. Ma i fattori politici peculiari ai due Paesi hanno condotto le riforme, approvate negli anni 2014 e ’15, verso esiti differenti per Province e Dipartimenti.
ita
Mazzoleni, M., LA RIFORMA DEGLI ENTI TERRITORIALI IN FRANCIA E ITALIA: L’EUTANASIA MANCATA DEL LIVELLO INTERMEDIO, <>, 2016; 37 (4): 885-913 [http://hdl.handle.net/10807/104822]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/104822
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact