"Adone": il tragico e la tragedia