As known, the soil plays a fundamental role in providing ecosystem services. The present work is a part of a wider interdisciplinary research concerns on the effect of urban and periurban land use changes on soil carbon stocks, in order to evaluate the potential contribution of the land use transformation in the mitigation of CO2 emission. We present the preliminary results of a case study in the municipality of Imola. In particular we have investigated the soil characteristic of several areas currently classified as "artificial green areas" but characterised by a different variation in their land use. These preliminary results can allow the validation and calibration of a methodological approach that can be extended to different spatiotemporal scenarios and that can support sustainable development territorial choices.

Come noto, il suolo svolge un ruolo fondamentale nella fornitura di servizi ecosistemici. Il presente lavoro si colloca nell’ambito di una più ampia ricerca interdisciplinare che indaga come le variazioni di uso del suolo delle aree urbane e periurbane possono influenzare la quantità di carbonio presente nel suolo, permettendo quindi una valutazione del contributo potenziale delle trasformazioni territoriali alla mitigazione di emissioni di CO2. Nel presente lavoro si illustrano i primi risultati di uno studio pilota condotto nel comune di Imola. In particolare sono state indagate le caratteristiche di suoli attualmente a copertura verde artificiale con differenti evoluzioni del loro uso. I risultati preliminari consentiranno di validare e calibrare l’approccio metodologico della ricerca e di estendere gli scenari spaziotemporali oggetto di studio, con l’obiettivo ultimo di supportare scelte di sviluppo urbanistico sostenibili.

Falsone, G., Diti, I., Tassinari, P., La Malfa, T., Guidi, P., Torreggiani, D., Uso del suolo e servizi ecosistemici: primi risultati di uno studio pilota sulle aree verdi nel Comune di Imola., Poster paper, in "Recuperiamo terreno", (Milano, 06-06 May 2015), ISPRA, Roma 2015: 186-192 [http://hdl.handle.net/10807/101079]

Uso del suolo e servizi ecosistemici: primi risultati di uno studio pilota sulle aree verdi nel Comune di Imola.

G.; Diti
Secondo
;
2015

Abstract

Come noto, il suolo svolge un ruolo fondamentale nella fornitura di servizi ecosistemici. Il presente lavoro si colloca nell’ambito di una più ampia ricerca interdisciplinare che indaga come le variazioni di uso del suolo delle aree urbane e periurbane possono influenzare la quantità di carbonio presente nel suolo, permettendo quindi una valutazione del contributo potenziale delle trasformazioni territoriali alla mitigazione di emissioni di CO2. Nel presente lavoro si illustrano i primi risultati di uno studio pilota condotto nel comune di Imola. In particolare sono state indagate le caratteristiche di suoli attualmente a copertura verde artificiale con differenti evoluzioni del loro uso. I risultati preliminari consentiranno di validare e calibrare l’approccio metodologico della ricerca e di estendere gli scenari spaziotemporali oggetto di studio, con l’obiettivo ultimo di supportare scelte di sviluppo urbanistico sostenibili.
Italiano
"Recuperiamo terreno"
"Recuperiamo terreno. Politiche, azioni e misure per un uso sostenibile del suolo"
Milano
Poster paper
6-mag-2015
6-mag-2015
978-88-448-0710-8
ISPRA
Falsone, G., Diti, I., Tassinari, P., La Malfa, T., Guidi, P., Torreggiani, D., Uso del suolo e servizi ecosistemici: primi risultati di uno studio pilota sulle aree verdi nel Comune di Imola., Poster paper, in "Recuperiamo terreno", (Milano, 06-06 May 2015), ISPRA, Roma 2015: 186-192 [http://hdl.handle.net/10807/101079]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/101079
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact