Algeria, il rinvio pericoloso di un processo riformatore