La “scoperta” del lago di Garda da parte degli artisti nordici è idealmente connessa tanto con il leggendario Italienische Reise di goethiana memoria, quanto con la svolta consumistica della società mitteleuropea di fine Ottocento, in cui vengono poste le basi dell’industria del forestiero. Il lago di Garda, allora, scorcio di mediterraneità tra le Alpi, assurge a simbolo dell’idealistica immersione in una natura ancora intatta, dove realtà e visione si fondono, convogliando le energie, ma anche i turbamenti, dell’artista contemporaneo, diviso tra vitalismo nietzschiano e malattia dell’anima. Tra le personalità artistiche, le più varie, che punteggiano la Kunstgeschichte gardesana si segnalano i casi di Hans Thoma, di cui è documentato l’intenso sodalizio con il critico d’arte Henry Thode, alle prese, all’epoca, con la riscoperta del Rinascimento italiano, e Gustav Klimt che opta per le vibrazioni di luce e colore offerte dalla prospettiva liquida, aprendo la strada alle ricerche dell’avanguardia astratta.

Valotti, M., "Grande, solenne, blu": il lago di Garda e i pittori tedeschi tra Otto e Novecento, in Lombardi, A., Mor L, M. L., Rossbach N, R. N., Der Gardasee und die Deutschen / I Tedeschi e il Garda. Literatur - Kunst - Kommunikation / Letteratura - Arte - Comunicazione, Peter Lang, Frankfurt am Main 2017: 147-158 [http://hdl.handle.net/10807/98221]

"Grande, solenne, blu": il lago di Garda e i pittori tedeschi tra Otto e Novecento

Valotti, Michela
2017

Abstract

La “scoperta” del lago di Garda da parte degli artisti nordici è idealmente connessa tanto con il leggendario Italienische Reise di goethiana memoria, quanto con la svolta consumistica della società mitteleuropea di fine Ottocento, in cui vengono poste le basi dell’industria del forestiero. Il lago di Garda, allora, scorcio di mediterraneità tra le Alpi, assurge a simbolo dell’idealistica immersione in una natura ancora intatta, dove realtà e visione si fondono, convogliando le energie, ma anche i turbamenti, dell’artista contemporaneo, diviso tra vitalismo nietzschiano e malattia dell’anima. Tra le personalità artistiche, le più varie, che punteggiano la Kunstgeschichte gardesana si segnalano i casi di Hans Thoma, di cui è documentato l’intenso sodalizio con il critico d’arte Henry Thode, alle prese, all’epoca, con la riscoperta del Rinascimento italiano, e Gustav Klimt che opta per le vibrazioni di luce e colore offerte dalla prospettiva liquida, aprendo la strada alle ricerche dell’avanguardia astratta.
Italiano
9783631672846
Peter Lang
Valotti, M., "Grande, solenne, blu": il lago di Garda e i pittori tedeschi tra Otto e Novecento, in Lombardi, A., Mor L, M. L., Rossbach N, R. N., Der Gardasee und die Deutschen / I Tedeschi e il Garda. Literatur - Kunst - Kommunikation / Letteratura - Arte - Comunicazione, Peter Lang, Frankfurt am Main 2017: 147-158 [http://hdl.handle.net/10807/98221]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/98221
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact