Agricoltura, ambiente e lotta alla povertà. Verso un circolo virtuoso?