Claudio, Tacito e la memoria dei Balbi