"Mitoidi" d'oggi: l'uomo della civilizzazione perde sempre più il suo mito e in tal modo se stesso?