I "primi acquirenti"