Ruggiero Bonghi e la «qualità» del rappresentante. Alle origini della teoria realistica della classe politica?