Giovanni Raboni e i tragici greci: dalla traduzione alla riscrittura