Through an analysis of archival documents, most of which unpublished to date, the volume sketches out a detailed overall picture of Venetian book production in the Kingdom of Lombardy-Venetia between 1815 and 1848. It was a varied and lively world, no longer on the level of the splendours of the previous centuries but still able to play a significant role in the history of Italian publishing in the first half of the nineteenth century.

Avvalendosi di documentazione archivistica in gran parte inedita, l’opera delinea un particolareggiato quadro d’assieme del mondo della produzione libraria veneziana durante la Restaurazione tra il 1815 e il 1848, esaminandone tutti gli aspetti: la legislazione, l’organizzazione e le vicende delle officine tipografiche, l’evoluzione della figura dell’editore, la stampa dei libri delle singole ditte, la distribuzione commerciale dei librai e dei banchettisti, finanche il ruolo della pubblicità nella promozione dei titoli posti in vendita. L’istituzione del Regno Lombardo-Veneto, complice un lungo periodo di pace, fece sì che a Venezia l’industria del libro riuscisse a uscire dalla profonda crisi economica in cui era caduta durante il periodo napoleonico, dimostrando una notevole vitalità almeno fino alla proclamazione della repubblica veneta del 1848. Un mondo variegato e vitale, sicuramente non più ai livelli degli splendori dei secoli precedenti, ma ancora in grado di recitare un ruolo non trascurabile nella storia dell’editoria italiana della prima metà dell’Ottocento.

Callegari, M., L'industria del libro a Venezia durante la Restaurazione (1815-1848), Olschki, Firenze 2016:<<BIBLIOTECA DI BIBLIOGRAFIA ITALIANA>>,200 304 [http://hdl.handle.net/10807/91976]

L'industria del libro a Venezia durante la Restaurazione (1815-1848)

Callegari, Marco
Primo
2016

Abstract

Avvalendosi di documentazione archivistica in gran parte inedita, l’opera delinea un particolareggiato quadro d’assieme del mondo della produzione libraria veneziana durante la Restaurazione tra il 1815 e il 1848, esaminandone tutti gli aspetti: la legislazione, l’organizzazione e le vicende delle officine tipografiche, l’evoluzione della figura dell’editore, la stampa dei libri delle singole ditte, la distribuzione commerciale dei librai e dei banchettisti, finanche il ruolo della pubblicità nella promozione dei titoli posti in vendita. L’istituzione del Regno Lombardo-Veneto, complice un lungo periodo di pace, fece sì che a Venezia l’industria del libro riuscisse a uscire dalla profonda crisi economica in cui era caduta durante il periodo napoleonico, dimostrando una notevole vitalità almeno fino alla proclamazione della repubblica veneta del 1848. Un mondo variegato e vitale, sicuramente non più ai livelli degli splendori dei secoli precedenti, ma ancora in grado di recitare un ruolo non trascurabile nella storia dell’editoria italiana della prima metà dell’Ottocento.
Italiano
Monografia o trattato scientifico
Olschki
Callegari, M., L'industria del libro a Venezia durante la Restaurazione (1815-1848), Olschki, Firenze 2016:<<BIBLIOTECA DI BIBLIOGRAFIA ITALIANA>>,200 304 [http://hdl.handle.net/10807/91976]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/91976
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact