IL «NON FORMALE»: UNA CATEGORIA PER LEGGERE LE TRASFORMAZIONI SOCIALI?