In an age of educational crisis, we must first of all be aware of the cultural and existential coordinates of adolescents and university students. Then it is possible to try to find a way to propose philosophy. Therefore the essay mentions emotionalism and nihilism, and proposes the blondelian method of immanence for the teaching of philosophy. The professor may try to leverage on some fundamental students’ desires, showing them how the philosophy is capable of cor-responding (in part) to them. For example, he can leverage on: the desire for authenticity of themselves, explaining that philosophy helps to self-knowledge; the desire for freedom, explaining that philosophy makes us free; the desire for beauty, explaining its relationship with philosophy; the desire for happiness, explaining the relationship between moral philosophy and happiness; on utility wish, explaining the usefulness of philosophy.

In un’epoca di emergenza educativa, bisogna anzitutto essere consapevoli delle coordinate cultural-esistenziali degli adolescenti e dei giovani universitari. Poi si può tentare di trovare un varco per proporre la filosofia. Perciò il contributo menziona l’emozionalismo e il nichilismo e propone il metodo blondeliano dell’immanenza per la docenza della filosofia. Si tratta, da parte del docente, di far leva su alcuni desideri fondamentali degli studenti, mostrando loro come la filosofia sia in grado di cor-rispondere (in parte) ad essi. Per es., si tratta di far leva: sul desiderio di autenticità circa se stessi, spiegando che la filosofia aiuta ad autoconoscersi; sul desiderio di libertà, spiegando che la filosofia rende liberi; sul desiderio di bellezza, spiegandone il rapporto con la filosofia; sul desiderio di felicità, spiegando il rapporto dell’etica filosofica con la felicità; sul desiderio di utilità, spiegando l’utilità della filosofia.

Samek Lodovici, G., Ontologia della filosofia e docenza, in Acerbi, A., Labastida, F., Luise, G. (ed.), La filosofia come Paideia. Contributi sul ruolo educativo degli studi filosofici, Armando Editore, Roma 2016: 195- 204 [http://hdl.handle.net/10807/90107]

Ontologia della filosofia e docenza

Samek Lodovici
Primo
2016

Abstract

In un’epoca di emergenza educativa, bisogna anzitutto essere consapevoli delle coordinate cultural-esistenziali degli adolescenti e dei giovani universitari. Poi si può tentare di trovare un varco per proporre la filosofia. Perciò il contributo menziona l’emozionalismo e il nichilismo e propone il metodo blondeliano dell’immanenza per la docenza della filosofia. Si tratta, da parte del docente, di far leva su alcuni desideri fondamentali degli studenti, mostrando loro come la filosofia sia in grado di cor-rispondere (in parte) ad essi. Per es., si tratta di far leva: sul desiderio di autenticità circa se stessi, spiegando che la filosofia aiuta ad autoconoscersi; sul desiderio di libertà, spiegando che la filosofia rende liberi; sul desiderio di bellezza, spiegandone il rapporto con la filosofia; sul desiderio di felicità, spiegando il rapporto dell’etica filosofica con la felicità; sul desiderio di utilità, spiegando l’utilità della filosofia.
Italiano
La filosofia come Paideia. Contributi sul ruolo educativo degli studi filosofici
978-88-6992-129-2
Armando Editore
Samek Lodovici, G., Ontologia della filosofia e docenza, in Acerbi, A., Labastida, F., Luise, G. (ed.), La filosofia come Paideia. Contributi sul ruolo educativo degli studi filosofici, Armando Editore, Roma 2016: 195- 204 [http://hdl.handle.net/10807/90107]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/90107
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact