Gli ‘amici’ del re: collaboratori o servi del loro sovrano?