Singolarità e universalità nel linguaggio dei diritti umani